Cosa vedere a Kobe in 1 giorno

ITINERARI | 0 commenti

Trascorrere 1 giorno a Kobe

Kobe è una delle città giapponesi molte volte poco considerata dai turisti ma che merita, a mio avviso, una visita.
Trascorrervi anche solo 1 giorno può essere una piacevole scoperta. Tenete presente che nel 1995 la città è stata praticamente rasa al suolo da un violentissimo terremoto di magnitudo 6.8 pertanto, in meno di 30 anni, non solo è stata ricostruita alla perfezione, ma è stata anche ampliata e modernizzata. E, solo questo, ne vale la visita.

Raggiungere Kobe è molto semplice sia da Tokyo (meno 3 ore) che da Kyoto o Osaka (30 minuti circa) in treno. Gli Shinkansen (inclusi nel Japan Rail Pass) vi fermeranno a Shin-Kobe. La stazione si trova in alto rispetto al centro cittadino che è comunque facilmente raggiungibile a piedi in pochissimo tempo.
Kobe è una città collinare che degrada verso il mare ed è per questo che, anche se presente una linea metropolitana, non raggiunge tutte le zone.

LOCAL TIPS: arrivate in città al mattino presto e giratela, nei limiti del possibile a piedi.
Una volta usciti dalla stazione comunque ci si ritrova sulla strada principale e da lì è possibile decidere dove andare.

Kobe in un giorno: itinerario consigliato

FUNIVIA DI KOBE NUNOBIKI

Iniziate il vostro tour prendendo la funivia di Kobe Nunobiki e raggiungete i bellissimi Giardini delle erbe. Passeggiate tra oltre 200 varietà di erbe e fiori e ammirate il panorama della città dall’alto dal ponte di osservazione.
Oltre la funivia, ci sono anche diversi sentieri situati nei pressi della funivia (che partono direttamente dalla stazione di Shin-Kobe) e che vi permettono di raggiungere la cima a piedi. Ovviamente ci metterete molto più tempo quindi vi consiglio di organizzare bene la vostra giornata a seconda di cosa vorrete vedere.

LOCAL TIPS: salite sulla collina se è bel tempo e se la giornata non è particolarmente afosa onde evitare di non poter ammirare al meglio il panorama. Invece, qualora decideste di rimanere a Kobe una notte, vi consiglio di salire al tramonto e godervi la vista con la luce del crepuscolo.

Vista dall’alto della città 

QUARTIERE DI KITANO-CHO

Scesi dalla funivia arrivate a piedi nel distretto storico di Kitano che, a primo impatto, ricorda moltissimo la città di San Francisco. Nel 1887 infatti accoglieva gli occidentali che si erano stabiliti nella concessione straniera nei pressi del porto.
L’area è davvero una bomboniera, molto carina da visitare: si possono vedere oltre 20 ijinkan (le case dei commercianti europei in stile vittoriano), molte delle quali trasformate in musei (visitabili previo pagamento di un biglietto), altre in caffetterie, negozi e ristorantini tipici.

LOCAL TIPS: essendo un quartiere tutto adagiato sulla collina vi consiglio di esplorarlo partendo dall’alto per poi proseguire verso il basso in modo da stancarvi meno e soprattutto per dirigervi verso l’area portuale di Kobe.

kitano kobe

Una delle case a Kitano

CHINATOWN DI KOBE

Scendendo da Kitano, raggiungete a piedi il quartiere cinese della città. Non è grandissimo ma è davvero molto caratteristico con i suoi negozietti e locali. La strada più famosa è la Kobe Tor Road dove troverete il Santuario Ikuta-jinja conosciuto in città per i vari festival che si svolgono durante l’anno.

QUARTIERE HARBORLAND DI KOBE

Sempre sulla strada che vi conduce al porto trovate quest’area molto moderna e piena di negozi. Ideale per fare shopping e acquistare souvenir.

LOCAL TIPS: ormai sarà ora di pranzo e i ristoranti nell’area del Mosaic hanno prezzi molto competitivi con vista sul porto e sulla torre di Kobe.

MOTOMACHIDORI SHOPPING STREET

Passeggiate lungo questa strada coperta per oltre 1,2 km e ammirate i 300 negozietti disposti lungo i lati di questo antico shotegania con una storia ultra centenari. Molto famoso l’arco di vetro all’ingresso della strada che si chiama “La luce” e che dà subito l’idea della raffinatezza della città e della fusione dello stile giapponese con quello occidentale europeo.

PARCO DI MERIKEN

Mentre il giorno volge al termine, non c’è posto migliore per concludere la visita di 1 giornata a Kobe che il Meriken Park situato nella zona del porto.
In quest’area, molto moderna e dagli ampi spazi, potrete innanzitutto ammirare la grande forza di volontà dei giapponesi che hanno ricostruito tutto dopo il terremoto in modo esemplare.
In questa zona è possibile visitare:

  • la Kobe Port Tower (alta 108 metri) è sicuramente un buon punto di osservazione dall’alto
  • il museo marittimo di Kobe e il monumento Be Kobe
  • varie installazioni di arte moderna disseminate nell’area
meriken park a kobe

Meriken park. Foto di diarioviaggiatricelowcost

TETSUJIN 28 ROBOT STATUE

Se vi avanza un po’ di tempo prima di ripartire e siete degli appassionati di manga, raggiungete per una foto la statua gigante del robot Tetko. La statua non si trova nel centro della città ma è facilmente raggiungibile prendendo un treno locale. Scendete alla fermata Shin-Nagata Station (10 minuti dalla stazione di Kobe) e in 5 minuti a piedi arriverete alla statua che si trova nel Wakamatsu Park. Il parco è molto carino e in estate si popola di gente che sorseggia una bibita o mangia qualcosa ai tavolini disseminati nella piazza.

TETSUJIN 28 ROBOT STATUE A KOBE

Tetsujin 28 (foto di diarioviaggiatricelowcost)

Itinerario di cosa fare a Kobe in 1 giornata

Ti piacerebbe fare un VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEL GIAPPONE oppure iniziare a STUDIARE IL GIAPPONESE? Ti aiutiamo noi! Scopri i nostri corsi di Giapponese o il nostro supporto al viaggio

Ricorda di partire assicurata/o!
Usa questo link per avere uno sconto del 10% per la tua assicurazione di viaggio.
Questo link è un link affiliato, significa che quando effettuerai l’acquisto tu riceverai un sconto e io un piccola commissione che mi aiuterà a coprire le spese di questo sito per continuare a condividere tante informazioni con tutti voi! 
Ti è stato utile questo post?
Guenda e Takaya

Guenda e Takaya

Ciao, sono Guenda e qui con me c’è anche Takaya
Credo che conoscere una persona sia un aspetto chiave per decidere se affidarsi a lei come insegnante, consulente o collaboratrice.

Speriamo che raccontarti il nostro percorso possa farti capire perché siamo qui adesso e quali sono i valori, le motivazioni e, non meno importante, il nostro percorso formativo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *